Passa ai contenuti principali

CONTRO LA GENERAZIONE NICHILISTA di Billy Piorrea



Mi rivolgo soprattutto a quelli della mia età e generazione, noi abbiamo il potere di cambiare le cose in futuro, abbiamo la responsabilità di farlo. Per troppo tempo ci siamo disinteressati della vita sociale, per troppo tempo abbiamo pensato solo al nostro personalissimo tornaconto e ci siamo adagiati su comodità illusorie che semplificano la vita e allo stesso tempo la distruggono. Mi rivolgo alla mia generazione, la generazione social e xanax dipendente. 

Continuiamo pure a comprare online su amazon, a guardare netflix a sostenere x factor e la serie A, cintinuamo cosi. Un giorno quando usciremo per strada e ci accorgeremo di essere soli perché tutti i locali sono chiusi forse ci renderemo conto del mondo che stiamo criminalmente creando, tutti noi, nessuno escluso. Quando le scuole e le università diventeranno centri militari di formazione, quando gli ospedali saranno luoghi di morte invece che di cura, quando nessun bar sarà più aperto, quando nessuna musica dal vivo sarà più suonata, quando nessun tipo di attività resisterà alla recessione cui ci condannano da anni ed il divertimento sarà solo un vecchio ricordo forse ci renderemo conto di essere tutti colpevoli e complici. Stiamo creando un mondo in cui non c'è più spazio per l'uomo, un mondo dove tutto è preordinato, etichettato, protocollato, non solo i gusti e le mode ma anche i rapporti e le relazioni sociali, finanche le emozioni. Nessuno si assume più la responsabilità delle proprie scelte, delle proprie parole, tutto è demandato a ordinanze, protocolli, disposizioni, indicazioni, linee guida e puttanate varie redatte da presunti esperti e membri commissionati da politici troppo corrotti e troppo ignoranti. La parola ed il gesto umano perdono ogni giorno il loro valore educativo e comunicatico e fanno spazio a format pre ordinati e già stabiliti. Le istituzioni pubbliche sono centri burocratici di norme e regole da seguire acriticamente con dedizione militare diretta esclusivamente alla salvaguardia del proprio tornaconto: il medico pensa a come non farsi querelare invece che a curare, il professore a finire il programma e ad etichettare i bambini con sigle inumane che li marchiano già in tenera età di colpe mai avute, come fossero codici a barre, piuttosto che educarli a diventare esseri umani rispettosi, pensanti e liberi. Ignoranza ed intolleranza dilagano incontrastate diffuse dai media che ci vogliono uomini-merce alla mercé delle multinazionali, e noi da bravi sudditi compriamo qualsiasi cacate ci viene proposta, ascoltiamo suoni spazzatura e guardiamo serie insensate, ci lasciamo atrofizzare il cervello e addirittura paghiamo anche per farlo. Siamo ancora in tempo per riprenderci le nostre vite e ricostruire un mondo in cui l'uomo sia parte centrale della società e dell'esistenza, ma dipende da tutti noi, dobbiamo uscire dal guscio di odio e paura in cui ci siamo rinchiusi. Non si può vivere senza toccarsi, senza guardarsi negli occhi, senza avere il coraggio di fare domande ed il tempo per dare delle risposte. Stiamo diventando degli automi senza volto, tutti uguali nei consumi, tutti identici nei gusti ma deformati dalla disumanità. Chi ha provato l'amore, l'estasi, la follia, il disordine gioviale, la fiducia nel prossimo e l'amore verso la vita può capire di cosa parlo, dobbiamo ricordare che la vita è fatta per essere vissuta e non si può avere costantemente paura di una morte che arriverà per tutti noi, e a quel punto conterà qualcosa aver vissuto 30/50 o 90 anni se non si ha mai avuto il coraggio di vivere davvero? Senza mai rischiare nulla ma cercando costantemente di proteggersi dagli altri e da ogni forma di minaccia ? La morte è insopportabile per chi non riesce a vivere diceva un autore ormai vebdutosi. Continuiamo così e produrremo un mondo di persone nate già morte, siamo sulla buona strada. Vivremo tutti 100 anni senza aver vissuto mai davvero un secondo.

Commenti

Post popolari in questo blog

ELOGIO ALLA VITA di John Macklemore

  Oramai è da molto tempo che le nostre vite sono state messe alla prova: la dedizione, il coraggio e la tenacia che sostengono i nostri nobili ideali rafforzano contemporaneamente quell'ardente desiderio di cambiamento volto a scoprire e ricercare nuove chiavi di lettura che, con ingegno e fantasia, riescano a svelare gli infiniti misteri che permeano la Vita, la Natura e l'Universo. Creare continue connessioni fra gli elementi del reale e dell'immaginario, valorizzate da un continuo dialogo fra credenze e saperi delle varie culture, ponendo come assunto fondamentale l'immutabile ed eterna staticità del cambiamento. Infatti, ogni singola conoscenza sviluppata e reinterpretata nel corso dei secoli ha sempre avuto come obiettivo quello di fare interagire il passato, il presente ed il futuro ricercando perpetuamente quell'armonia che mette in connessione le nostre emozioni, i nostri sentimenti e la nostra ragione con ogni elemento visibile ed invisibile, avendo co

MORIRE DI VACCINO A 18 ANNI: COME IL PRINCIPIO DELLA CONSERVAZIONE DELL'INDIVIDUO SE N'E' ANDATO A FARSI FOTTERE di Filippo Dellepiane

  Dicesi nella logica classica che una deduzione è corretta se dalla verità delle premesse discende la verità delle conclusioni. Posto che:   a)  in Italia non ci sono casi di giovani morto sotto i 38 anni per il covid 19; b)  fare il vaccino, soprattutto per un giovane, significa rischiare la vita di più rispetto a contrarre il virus, qualunque sia l’incidenza delle reazioni; c)   tutte le campagne geopolitiche contro i vaccini russi e cinesi, che non sarebbero stati sperimentati abbastanza, sono del tutto ipocrite se poi ogni giorno su migliaia di persone viene testato un farmaco poco sicuro; d) in Gran Bretagna tutti i vaccinati già affollano gli ospedali perché, come già qualcuno diceva mesi fa, il virus è influenzale e quindi muta di continuo; e) il governo in Italia si sta macchiando di un ricatto che è davvero subdolo, usando bastone e carota per far vaccinare i giovani; f)   l’ex presidente dell’Ema ha dichiarato che non vaccinerebbe suo figlio con Astrazeneca,   ie

DOGMATISMO, BIGOTTISMO, TOTEM E TABU' DEL NOSTRO TEMPO di Mario Merola

Riceviamo e volentieri pubblichiamo da un compagno della giovanile del PC. Premessa. Questo pezzo o articolo non ha alcuna velleità teorica, né vuole ergersi ad analisi definitiva della situazione concreta ed attuale che il nostro campo sta attraversando. Per nostro campo si intende il campo socialista-comunista ove operano in maniera sparsa e confusa – salvo le dovute eccezioni – tutti quei partiti e movimenti che si proclamano comunisti e che aspirano alla trasformazione della nostra società in chiave socialista.  Dogmatismo e bigottismo: i mali assoluti.  Due morbi affliggono il nostro campo e sono appunto il dogmatismo e il bigottismo. Si tratta di due elementi o, per meglio dire, due atteggiamenti che chiunque si aspetterebbe di trovare nei fedeli di questa o quella congregazione religiosa e invece con grande sorpresa ritrova nel nostro campo. Il dogma è il marxismo-leninismo; il bigottismo è l'accusa di revisionismo tirata fuori ogni tre per due contro chiunque provi a fare u