Passa ai contenuti principali

IL LINGUAGGIO DEL POTERE di Enrico Barone

 


Non ricordo di preciso quando ho iniziato ad interessarmi – in modo amatoriale, s’intende- alle modalità ed alle tecniche di comunicazione dei mass media, ed ai loro effetti sulla popolazione. Forse quando la mia professoressa di matematica del liceo mi disse che i giornalisti parlano tutti con lo stesso tono piatto ed asettico, forse quando a 18 anni lessi 1984 di Orwell, forse quando un amico mi disse di guardare i telegiornali silenziando l’audio e prestando attenzione solo alla mimica ed al linguaggio del corpo dei figuranti, forse quando viaggiando mi resi conto che il format dei telegiornali, i contenuti, le parole scelte e la regia sono pressoché gli stessi in tutte le parti del globo “civilizzato”, o forse ancora quando lessi Chomsky e le sue brillanti osservazioni sulle tecniche di comunicazione dei media e dei governatori.

Probabilmente è stato un mix di tutte queste esperienze, più o meno consapevoli, che mi ha portato a riflettere a fondo sul significato della comunicazione di massa e sul significato dell’atto stesso di informare. A cosa serve l’informazione? Qual è l’obiettivo che vuole raggiungere chi impacchetta quotidianamente notizie attraverso le varie forme di comunicazione al pubblico? Lungi da me credere che l’obiettivo sia quello di istruire ed informare positivamente i cittadini (sono un inguaribile diffidente lo so), le risposte che ho trovato puntano tutte verso la stessa direzione.

Informare è controllare, indottrinare è controllare. Un popolo ignorante, o meglio, un popolo che coltiva soltanto il sapere inoculato sapientemente con il contagocce attraverso una precisa e metodica propaganda, è un popolo facile da gestire, è un popolo mansueto, un popolo complice. Possedere e dirigere i canali di comunicazione significa poter dirigere il pensiero e le abitudini della popolazione, e questo lo sanno bene i proprietari delle stesse, che nella maggior parte dei casi sono fra gli uomini più ricchi e potenti del mondo. “Non esistono fatti, ma solo interpretazioni” affermava Nietzsche. Nessun fatto può essere raccontato senza essere minimamente distorto, non esistono versioni oggettive di un evento e, pertanto, qualsiasi tentativo di rappresentarlo crea una nuova realtà che segrega dall’evento stesso. I fatti possono soltanto essere esperiti e non raccontati. Anche se un ambasciatore si prefiggesse l’obiettivo di narrare un fatto nel mondo più oggettivo possibile incapperebbe nell’inevitabile contraddizione appena descritta, è evidente allora che aberrazioni mostruose può produrre un’informazione mediatica che, al contrario, si prefigge sistematicamente lo scopo di deviare la narrazione per fini politici ed economici.

Da quando l’avvento della comunicazione istantanea ha permesso all’industria dell’informazione di raggiungere in ogni istante ed in ogni luogo qualsiasi individuo sulla faccia della terra, e da quando noi tutti abbiamo accettato ed accolto di buon grado questa possibilità, le conseguenze appena descritte sono cresciute in modo esponenziale. È vero, la rete offre possibilità a chiunque di diffondere il proprio pensiero e, teoricamente, offre infinite possibilità di condivisione, ed è così che probabilmente i fautori dell’open-source immaginavano il mondo del futuro: un mondo libero dalla schiavitù dell’informazione, un mondo dove la crescita culturale potesse essere raggiunta in modo collettivo e gratuito e dove le reti di informazione fossero magari di dominio pubblico, e non proprietà di colossi dell’editoria e della comunicazione. Chiaramente la storia è andata diversamente.

I mezzi di comunicazione sono nelle mani -almeno in Italia- di una cerchia ristretta di grandi imprenditori titolari di poderosi patrimoni e di investimenti di varia natura in diversi settori dell’economia: la famiglia Berlusconi con il gruppo Mondadori e la Mediaset, la famiglia Elkann-Agnelli (John Elkann siede spesso ai tavoli del gruppo Bilderberg) possiede due dei tre quotidiani più letti in Italia oltre ad una serie lunghissima di rotocalchi locali e delle principali emittenti radiofoniche , il Gruppo Editoriale RCS, per buona parte nelle mani di Urbano Cairo, controlla i quotidiani Corriere della Sera” e La Gazzetta dello Sport. I conflitti d’interesse sono talmente evidenti che risulta superfluo sottolinearli.

 Va da sé che la scelta di cosa, come e quando pubblicare o trasmettere sia un’operazione altamente pianificata e che risponda a precisi scopi. Credere che “i professionisti dell’informazione” (fra i quali si vanta di appartenere anche Mentana, quello che ha scambiato l’assalto a Capitol Hill con il film Project X, ma questa è un’altra storia) siano attori benevoli interessati alla formazione e alla crescita culturale dei cittadini è una bellissima fiaba per bambini da raccontare loro prima di andare a dormire, ma è molto lontana dalla verità.

Qualche lettore potrebbe obiettare che non si tratta della scoperta dell’acqua calda, ma che sia una storia vecchia come il mondo, e allora io rispondo: perché mai allora continuiamo a leggere i giornali ed ascoltare le notizie alla tv, pur consapevoli degli enormi conflitti di interesse che albergano dietro i servizi d’informazione gentilmente offerti? Perché accettiamo di lasciarci ipnotizzare quotidianamente dalla disinformazione metodicamente organizzata? Perché plasmiamo la nostra vita, i nostri gusti, le nostre abitudini in conseguenza agli impulsi che riceviamo ogni giorno? Le domande sono ambiziose lo so, molti pensatori potrebbero riempire pagine intere con analisi in chiave psicologica e sociale delle cause che concorrono a questo assurdo fenomeno della nostra epoca, eppure anche da considerazioni semplici -ma non semplicistiche- si può arrivare a sottolineare il folle giogo cui siamo tutti condannati.  

Delle due l’una dunque: o ne siamo consapevoli e proviamo un sadico piacere nel farci fulminare le sinapsi, oppure crediamo davvero alle notizie che riceviamo giornalmente e, soprattutto, ai motivi per cui vengono diffuse. Tertium non datur direbbero i latini… ma forse in questo caso si sbaglierebbero, in questo caso un tertium c’è. Non sono fino in fondo corrette nessuna delle due ipotesi, bisogna attingere un po' dall’una ed un po' dall’altra per capire in che stato versiamo noi tele-consumatori -non siamo noi i consumatori, noi siamo consumati, la merce siamo noi-; la “verità” è che siamo perennemente distratti, peggio siamo ipnotizzati.

 Siamo ipnotizzati dalla miriade di impulsi che riceviamo diariamente dagli schermi luminosi che circondando la nostra esistenza, e che ci dirigono come la voce di un’analista conduce lo stato ipnotico del suo paziente. Siamo distratti dalle serie tv, da X-factor, dal campionato di Serie A, dalla Durso, dallo scioglimento dei ghiacciai e dalla plastica, ed infine -dulcis in fundo- siamo terrorizzati a morte. Il linguaggio del poter non fa sconti, è subdolo, paziente, è costante e non si arrende mai; è sempre lì a portata di mano, ci accompagna durante i pasti, ci culla prima di andare a dormire e ci dà il buongiorno al mattino, è un padre diligente ed attento, e noi i suoi docili figlioletti. Le modalità di trasmissione delle informazioni seguono delle logiche e puntano a precisi scopi, per raggiungerli è necessaria un’applicazione rigorosa delle tecniche comunicative. Infatti, ad un occhio attento, guardando ed ascoltando le notizie al telegiornale sono rintracciabili sempre le stesse caratteristiche: il linguaggio utilizzato è spesso incomprensibile e monco, le parole sono astratte ed indefinite, il tono del conduttore è piatto, ed i contenuti mirano sempre ad indurre negli spettatori uno stato di allerta ed apprensione. Sfogliando poi le pagine dei principali quotidiani la situazione non migliora, le analisi dei fatti raccontati sono spesso superficiali, riduzioniste e sensazionaliste, l’inchiesta è quasi sparita in favore di un servilismo incondizionato (sarà perché i datori di lavoro sono i più potenti uomini del Paese?), e da quando non si sfoglia più nulla ma si clicca alla pagina seguente queste evidenze sono ancora più lampanti.

Ascoltando ed osservando un discorso politico, ormai apprezzabile solo attraverso dirette televisive o live su Facebook che rendono ancor più impersonale la relazione con i cittadini ed aumentano il senso di impotenza degli stessi, risulta evidente il metodo universale applicato dai vari burocrati cresciuti a pane e distopia: trattano il volgo come un genitore assennato ma severo tratterebbe i suoi bambini, utilizzando parole dai toni decisi ma prive di sostanza, incomprensibili per le giovani orecchie degli interlocutori. Il leitmotiv è sempre lo stesso: voi non capite perché, ma noi si, e lo facciamo per il vostro bene.  Le parole scelte ci lasciano sempre interdetti, ma non le capiamo perché gli esperti sono loro, sanno loro cosa fare, e noi glielo lasciamo fare. L’utilizzo delle parole è coadiuvato dall’atteggiamento austero e deciso, a tratti sofferente per le dure ma necessarie vessazioni che sono costretti -loro- a rifilarci, del resto si sa, fare il genitore non è semplice, è difficile dire di no. I figuranti appaiono sempre in controllo delle loro emozioni, duri e determinati come robot, non lasciano trasparire un’emozione, un singolo sussulto, sono sempre impeccabili, sempre rigidi, ineffabili, sono dei militari addestrati, ma non hanno frequentato la scuola oratoria ciceroniana bensì quella del controllo mentale di V per Vendetta. I discorsi puntano sempre a colpire la sfera emotiva e non quella intellettuale degli uditori, e quest’ultimo anno rappresenta un brillante esempio di questa tecnica, perché non bisogna mai incentivare il ragionamento critico individuale, ma favorire il ribollire delle emozioni più ancestrali dell’uomo, che nelle masse esplodono incontrollate e vincono la razionalità del singolo. Un gruppo di individui pensanti è difficilmente controllabile, una massa guidata da sole emozioni può essere indirizzata a proprio piacimento come mucche al pascolo, ce lo insegna Edward Barneys.

Nonostante le criticità riscontrate, il mondo dell’informazione non è solo questo, non è fatto soltanto di grandi editori e di manipolazione. Negli ultimi tempi sono sbocciati come gemme in Primavera moltissimi movimenti indipendenti, costituiti da singoli o da gruppi di uomini liberi che, stanchi di vivere in questa gabbia illusoria, hanno deciso di provare a frenare questo oceano in tempesta e di contrastare l’unidirezionalità del flusso (dis)informativo. Il mondo del web è costellato di blog e pagine di informazione alternativa che si oppongono al main-stream; non sono “professionisti dell’informazione” è vero, non possiedono grandi capitali alle spalle né tantomeno sono spinti da interessi di natura economica, ed è proprio per questo che meritano di essere presi in considerazione, se non altro per ascoltare qualche voce dissonante dal coro. Si basi bene, non intendo dire che qualsiasi movimento di “controcultura” sia valido ed autorevole, questo lo lascio al giudizio del lettore, ma che esiste un mondo alternativo che combatte in modo disinteressato l’esercito dei media al servizio del capitale -questo si, interessato e complice-, spinto dall’amor del vero e dalla voglia di plasmare un mondo più libero.

invito tutti a notare la differenza di analisi, di approfondimento, di cultura che c’è fra la media dei blog cui faccio riferimento (ne sono un esempio L’intellettuale dissidente, L’antidiplomatico, Sinistra in rete, per citarne alcuni) e la stragrande maggioranza dei quotidiani e dei telegiornali “professionali”.

Liberiamoci dalle catene ed usciamo dallo stato narcolettico in cui vegetiamo. Spegniamo le televisioni e accendiamo la mente.

Commenti

Post popolari in questo blog

L'ERETICO ED IL NEGAZIONISTA di Enrico Barone

  Analizzando storicamente l’evoluzione delle società umane, è grossolanamente possibile affermare che è sempre stata una storia di scontri dialettici fra oppressori ed oppressi, fra dominanti e dominati, fra regnanti e sudditi: uno scontro continuo e dinamico in cui la classe dominante ha da sempre impegnato le proprie forze per mantenere il dominio sulle masse. Dai romani ai giorni nostri, le forme di governo e le modalità con cui il dominio è stato esercitato sono cambiate notevolmente, ma la sostanza è rimasta pressoché inalterata: un’oligarchia di pochi esercita il proprio controllo sulla maggioranza degli individui sfruttando un potere violento e repressivo, evolutosi e affinatosi nel tempo. Nell’ottica di conservare l’egemonia sulle masse e mantenere sopiti gli spiriti degli individui che le compongono, è un obiettivo imprescindibile creare consenso attorno all’ordine dominante ed inculcare negli oppressi l’idea che il sistema vigente sia il migliore possibile, la scelta neces

MANIFESTO

Il mondo a unici senso e direzione del Terzo Millennio ha necessità di battere nuovi sentieri, del manifestarsi di alternative che sono sconosciute o, addirittura, incontemplabili alla Nuova Generazione, vissuta sempre dentro le stesse amorevoli e mortifere mura.  C’è bisogno di svelare letture diverse di ciò che circonda la vita, della vita in rapporto con la vita, dell’uomo con l’uomo; c’è bisogno di eliminare il rapporto biunivoco tra ciò che viene insegnato come senza alternativa e tutte le altre inabissate prospettive. Prospettiva: il pane della storia. Cose piccole e grandi, avere un figlio o essere uno statista, necessitano di una visione sistematica del futuro perchè esso diventi un porto aperto verso il mare piuttosto che una secca pericolosa nell’Oceano in tempesta. La Prima Linea deve cominciare a connettere le cose che ci si sviluppano attorno, partendo dalla realtà più quotidiana e spicciola, per risalire poi ai grandi movimenti di potere: non è più ammissibile trascurare

COME CONTRADDIRE UN FINTO IDEALE di Simone Lodovici

Cari lettori e Care lettrici,  con questo articolo mi pongo l'obiettivo di fornire un punto di vista panoramico su alcune evidenti contraddizioni che riguardano l'Unione Europea e la sua essenza democratica, evidenziando, ovviamente, anche cosa ne pensano tre uomini di spicco che hanno reso possibile il "buon funzionamento" del progetto stesso.  Ma partiamo da una semplice osservazione.  Tutti noi sappiamo che il buon funzionamento di uno Stato è determinato dalle scelte che può prendere autonomamente per il suo buon funzionamento includendo, necessariamente, l'amministrazione della sua moneta, siccome è da essa che deriva la ricchezza economica. Tuttavia, l'Unione Europea, un'organizzazione economico-politica di carattere sovranazionale , nel 2002, con l'introduzione dell'Euro, si è presa l'importante compito di erogare la moneta "nazionale" di gran parte degli Stati aderenti, stabilendone anche i parametri da rispettare. Lo scopo co