Passa ai contenuti principali

COME CONTRADDIRE UN FINTO IDEALE di Simone Lodovici

Cari lettori e Care lettrici, 

con questo articolo mi pongo l'obiettivo di fornire un punto di vista panoramico su alcune evidenti contraddizioni che riguardano l'Unione Europea e la sua essenza democratica, evidenziando, ovviamente, anche cosa ne pensano tre uomini di spicco che hanno reso possibile il "buon funzionamento" del progetto stesso. 

Ma partiamo da una semplice osservazione. 

Tutti noi sappiamo che il buon funzionamento di uno Stato è determinato dalle scelte che può prendere autonomamente per il suo buon funzionamento includendo, necessariamente, l'amministrazione della sua moneta, siccome è da essa che deriva la ricchezza economica. Tuttavia, l'Unione Europea, un'organizzazione economico-politica di carattere sovranazionale , nel 2002, con l'introduzione dell'Euro, si è presa l'importante compito di erogare la moneta "nazionale" di gran parte degli Stati aderenti, stabilendone anche i parametri da rispettare. Lo scopo conclamato era quello di accelerare il processo di integrazione economica, prendendo come punto di riferimento i valori di Libertà, Uguaglianza e Fratellanza, di cui l'Unione Europea stessa si fa portavoce. Eppure Giuliano Amato, Presidente del Consiglio dei Ministri nei periodi 1992-1993 e 2000-2001, come si evince da un video facilmente reperibile su YouTube, sostiene una versione molto differente e ai confini del paradossale, andando, così, incontro ad una prima ed evidente contraddizione verso quegli imprescindibili valori democratici. Egli dichiara che coloro che hanno avuto l'aspirazione alla moneta unica lo avevano fatto sapendo di non avere gli strumenti necessari per conferire forza e credibilità alla moneta stessa e aggiunge nello stesso intervento: "Abbiamo persino stabilito dei vincoli nei nostri trattati che impedissero di aiutare gli Stati in difficoltà…" e conclude dicendo: " Insomma: moneta unica dell'Eurozona ma ciascuno deve essere in grado di provvedere a se stesso... era davvero difficile che funzionasse e ne abbiamo visto tutti i problemi". Se si deve riconoscere la sincerità di Amato,  ciò non toglie il fatto che i disagi attuali siano anche le dirette conseguenze di questo progetto azzardato e pericoloso. 

Questi i fatti, l'attuale Presidente del Consiglio dei ministri Mario Draghi, ai tempi della sua presidenza presso la Banca Centrale Europea, nel periodo che va dal 2011 al 2019, quando ebbe il difficile compito di gestire la crisi che interessò la moneta unica, ebbe a dire: "All'interno del nostro mandato la Banca Centrale Europea è pronta a fare qualsiasi cosa serva per salvare l'Euro", mentre il 17 febbraio scorso, ovvero pochi giorni dopo il suo insediamento a Palazzo Chigi, asserì: "Sostenere il mio governo vuol dire sostenere l'irreversibilità dell'Euro". Queste due dichiarazioni devono fare riflettere molto profondamente perché se l'attuale Premier era, ed è, tuttora, a favore di un progetto pericoloso già nella sua essenza, ci si deve chiedere che cosa possa riservare per un paese in difficoltà come il nostro che, ancora prima della pandemia, versava in una situazione di disordine politico e sociale, incrementato sicuramente dalla politica di perenne austerity iniziata sotto il governo tecnico di Mario Monti. 

Mario Monti è stato Presidente del Consiglio dei ministri dal 2011 al 2012 e, oggigiorno, è Senatore a vita dello Stato italiano oltreché, naturalmente, tenace sostenitore dell'Unione Europea; da Premier, inserì il pareggio di bilancio in Costituzione, consegnandoci, in questa maniera, nelle mani dell'Unione Europea, e condannando il nostro Paese ad una politica economica incentrata sul taglio delle spese pubbliche a favore del pareggio di bilancio, e, quindi, delle politiche economico-finanziarie europee. Come è facilmente immaginabile, questo tipo di interventi possono generare gravissime crisi di natura socio-economica nel Paese interessato, portando le persone, come anche le imprese, ad attraversare periodi di agonia. Sorprendentemente, Monti sapeva benissimo ciò che stava facendo, tanto che, in un'intervista facilmente reperibile in rete, gli si sente asserire: "Non dobbiamo sorprenderci che l'Europa abbia bisogno di crisi, e di gravi crisi, per fare passi avanti. I passi avanti dell'Europa sono per definizione cessioni di sovranità nazionali a un livello comunitario"... Come se non bastasse, egli dichiarò alla CNN: "Stiamo effettivamente distruggendo la domanda interna attraverso il consolidamento fiscale". Queste dichiarazioni non sono soltanto molto gravi, in quanto minano la credibilità dell'Unione Europea stessa, ma smascherano in maniera definitiva i fini perversi di questa organizzazione, sicché si può dedurre questo assunto: "L' Euro è lo strumento che l' Unione Europea utilizza con lo scopo di regolare le gravi crisi di cui ha bisogno". L'esistenza stessa dell' Unione Europe, dunque, affonda le sue stesse radici nella contraddizione: da una parte si fa portavoce di principi democratici, dall'altra elabora degli strumenti che generano crisi, disorientamento e confusione, sostenendo un ideale che ha svelato la sua parte peggiore e si è rivelato nelle dichiarazioni degli uomini sopra citati. Il noto giornalista d'inchiesta Francesco Amodeo ha ragione nel definire questa situazione tanto ambigua "Matrix Europea". 

In conclusione, possiamo dirlo: la Libertà, l'Uguaglianza e la Fratellanza sono valori serissimi che è necessario conoscere, rispettare e preservare perché sono troppo preziosi da essere strumentalizzati per fini tutt'altro che nobili e, pertanto, è necessario difenderli con la forza della ragione e con la potenza del sentimento. 

WHATEVER IT TAKES.

Commenti

  1. Complimenti! Siete la dimostrazione che nonostante le difficoltà i giovani hanno buone idee e lavorano seriamente

    RispondiElimina
  2. Chiaro e preciso. Complimenti per l'articolo. Continuate così.😃

    RispondiElimina
  3. Ottimo articolo ma c'è un serio errore.
    La ricchezza economica non deriva dalla moneta, bensì dal lavoro che crea prodotti e servizi per soddisfare bisogni. La moneta essendo solo un simbolo astratto, un simulacro della ricchezza reale.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

ELOGIO ALLA VITA di John Macklemore

  Oramai è da molto tempo che le nostre vite sono state messe alla prova: la dedizione, il coraggio e la tenacia che sostengono i nostri nobili ideali rafforzano contemporaneamente quell'ardente desiderio di cambiamento volto a scoprire e ricercare nuove chiavi di lettura che, con ingegno e fantasia, riescano a svelare gli infiniti misteri che permeano la Vita, la Natura e l'Universo. Creare continue connessioni fra gli elementi del reale e dell'immaginario, valorizzate da un continuo dialogo fra credenze e saperi delle varie culture, ponendo come assunto fondamentale l'immutabile ed eterna staticità del cambiamento. Infatti, ogni singola conoscenza sviluppata e reinterpretata nel corso dei secoli ha sempre avuto come obiettivo quello di fare interagire il passato, il presente ed il futuro ricercando perpetuamente quell'armonia che mette in connessione le nostre emozioni, i nostri sentimenti e la nostra ragione con ogni elemento visibile ed invisibile, avendo co

MORIRE DI VACCINO A 18 ANNI: COME IL PRINCIPIO DELLA CONSERVAZIONE DELL'INDIVIDUO SE N'E' ANDATO A FARSI FOTTERE di Filippo Dellepiane

  Dicesi nella logica classica che una deduzione è corretta se dalla verità delle premesse discende la verità delle conclusioni. Posto che:   a)  in Italia non ci sono casi di giovani morto sotto i 38 anni per il covid 19; b)  fare il vaccino, soprattutto per un giovane, significa rischiare la vita di più rispetto a contrarre il virus, qualunque sia l’incidenza delle reazioni; c)   tutte le campagne geopolitiche contro i vaccini russi e cinesi, che non sarebbero stati sperimentati abbastanza, sono del tutto ipocrite se poi ogni giorno su migliaia di persone viene testato un farmaco poco sicuro; d) in Gran Bretagna tutti i vaccinati già affollano gli ospedali perché, come già qualcuno diceva mesi fa, il virus è influenzale e quindi muta di continuo; e) il governo in Italia si sta macchiando di un ricatto che è davvero subdolo, usando bastone e carota per far vaccinare i giovani; f)   l’ex presidente dell’Ema ha dichiarato che non vaccinerebbe suo figlio con Astrazeneca,   ie

DOGMATISMO, BIGOTTISMO, TOTEM E TABU' DEL NOSTRO TEMPO di Mario Merola

Riceviamo e volentieri pubblichiamo da un compagno della giovanile del PC. Premessa. Questo pezzo o articolo non ha alcuna velleità teorica, né vuole ergersi ad analisi definitiva della situazione concreta ed attuale che il nostro campo sta attraversando. Per nostro campo si intende il campo socialista-comunista ove operano in maniera sparsa e confusa – salvo le dovute eccezioni – tutti quei partiti e movimenti che si proclamano comunisti e che aspirano alla trasformazione della nostra società in chiave socialista.  Dogmatismo e bigottismo: i mali assoluti.  Due morbi affliggono il nostro campo e sono appunto il dogmatismo e il bigottismo. Si tratta di due elementi o, per meglio dire, due atteggiamenti che chiunque si aspetterebbe di trovare nei fedeli di questa o quella congregazione religiosa e invece con grande sorpresa ritrova nel nostro campo. Il dogma è il marxismo-leninismo; il bigottismo è l'accusa di revisionismo tirata fuori ogni tre per due contro chiunque provi a fare u